13
APR
2016

Perché occuparsi di cooperazione e sviluppo?

In un mondo globalizzato quale quello che la realtà contemporanea ci presenta, le guerre vicine, le povertà estreme, le migrazioni, riguardano tutti i Paesi e non soltanto le popolazioni direttamente coinvolte.

I trend degli ultimi decenni hanno evidenziato come:

  • Venti dei trentotto Paesi più poveri al mondo sono in conflitto;
  • Negli ultimi venti anni i conflitti violenti sono aumentati in modo particolare in Africa, dove non meno di 28 Stati, vale a dire oltre la metà del totale, hanno registrato situazioni di conflitto di varia intensità;
  • Nelle società più povere, i leader competono per il controllo dell’esiguo surplus economico e quella competizione (considerate le scarse risorse) causa facilmente un’escalation violenta. Queste motivazioni sono alla base degli atroci conflitti che si sono protratti per lunghi anni in Liberia, Sierra Leone, Angola, Ruanda e Burundi.

 

Mai come in questa fase storica c’è stato bisogno di un impegno così straordinario per trovare nuove strade di collaborazione e cooperazione internazionale al fine di limitare le crisi, i conflitti e lavorare alla ricostruzione di scenari di pace e sviluppo sostenibile.

Sempre di più servono professionisti, persone in grado di agire tempestivamente, costruire e realizzare progetti di sviluppo economico. Servono pianificatori e programmatori, ricostruttori del senso di comunità e di partecipazione, negoziatori e facilitatori, operatori del “peacekeeping”. Allo stesso tempo, affinché i Progetti di Sviluppo e Cooperazione possano essere portati a termine, servono conoscitori dei sistemi amministrativi e giuridici e degli apparati di sicurezza per aiutare a “ricostruire” interi Stati e amministratori in grado di gestire al meglio i flussi di finanziamento.

Questi sono i profili che il Master di secondo livello in Cooperazione e Sviluppo di Link Campus University forma e porta direttamente nel mondo del lavoro grazie alla cooperazione con Ong e realtà partner che da anni operano nell’ambito dell’Economia dello sviluppo e della Cooperazione.

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close